Iron Man & Gli Oscuri Vendicatori 28

15 07 2010

Siamo vicina alla conclusione della lunga saga L’uomo più ricercato del mondo per Iron Man, con l’episodio e mezzo di Matt Fraction e Salvador Larroca presenti in questo numero (la seconda metà di Invincible Iron Man 17 e il numero 18) che fa da preludio al gran finale del mese prossimo. Nel resto dell’albo continuano le avventure di Oscuri e Potenti Vendicatori.

Nell’elivelivolo HAMMER viene intercettata la mail che Tony ha mandato a Maria Hill mentre si dirigeva in Afghanistan, dove viene abbattuto da dei guerriglieri. A New York, Maria Hill e la Vedova Nera sono catturate dalle truppe di HAMMER proprio poco prima di incontrare Capitan America, mentre sull’elivelivolo HAMMER Osborn interroga Madame Masque, che le dice di aver ucciso Pepper Potts e di aver recuperato l’armatura Rescue, ma di non essere riuscita ad evitare che Tony Stark fuggisse.

In Afghanistan Tony riesce a raggiungere il suo ultimo laboratorio segreto, la vecchia base talebana dove è stato imprigionato ed ha creato la prima armatura di Iron Man. Mentre cerca di far partire quella vecchia armatura (l’unico modello alla portata della sua mente in deterioramento), viene sorpreso da due ragazzini, che gli intimano di produrre armi per loro. Nel frattempo a New York, all’interno della Torre dei Vendicatori, Madame Masque raggiunge Maria Hill nella sua cella, e la libera rivelando di essere in realtà Pepper Potts. La vera Madame Masque è rinchiusa dentro l’armatura di Dinamo Cremisi che HAMMER sta studiando, come scopre Victoria Hand quando la aprono. In Afghanistan, Tony fa scappare i ragazzini ed attiva la sua prima armatura, ma così facendo genera un’energia tale che viene individuato da HAMMER. Non appena scopre la posizione, Norman Osborn indossa l’armatura di Iron Patriot e parte alla caccia, mentre Pepper Potts attiva l’armatura di Rescue che rilascia un virus nel sistema di HAMMER…

Gli Oscuri Vendicatori, sulle pagine di Dark Avengers 11, proseguono il loro confronto con Molecola, ma non prima di aver dato uno sguardo al passato di Victoria Hand, scoprendo che in passato un suo reclamo a Nick Fury sul metodo intrapreso nella lotta al terrorismo le costò il trasferimento e la fine della sua storia con una collega. Nel presente, Molecola si confronta con Norman Osborn, attorniato dai suoi costrutti che rappresentano entità come l’Arcano, Mefisto, l’Incantatrice e Zarathos. Dopo aver discusso con Osborn, lo mette faccia a faccia con i suoi incubi: Norman si ritrova vestito da Uomo Ragno sul ponte di Verrazzano, al cospetto di una Gwen Stacy incinta dei suoi figli, prima di cadere al posto di lei… Molecola affronta poi un Sentry sofferente, facendolo esplodere una seconda volta, prima di liquefare l’Uomo Ragno, vaporizzare Miss Marvel, tramutare in arbusto Wolverine ed in statua Ares. Molecola ha la situazione in pugno, quando Victoria Hand si para davanti a lui e si arrende, in nome degli Stati Uniti… Leggi il seguito di questo post »

Annunci




Thor & I Nuovi Vendicatori 136

14 07 2010

Nuovo numero della testata che vede tra gli assenti il serial del dio del tuono (ma riprenderà nel prossimo numero) e due episodi dei Nuovi Vendicatori, insieme all’esordio del serial in sette episodi della Donna Ragno.

Nelle storie dei Vendicatori, tratte da New Avengers 58/59, riprendiamo esattamente da dove ci eravamo interrotti nel numero precedente: Luke Cage, vittima di una crisi cardiaca, si consegna agli Oscuri Vendicatori di Osborn, mentre i Nuovi Vendicatori ne approfittano per scappare dalla clinica dell’Infermiera di Notte, con Ms. Marvel che attira lontano Iron Patriot prima di colpirlo in aria mentre gli altri Nuovi Vendicatori riescono a fuggire attraverso le fogne. Una volta arrivati all’appartamento di Capitan America, devono dare la brutta notizia alla moglie di Luke, Jessica, la quale in lacrime vuole andare a liberarlo, ma viene bloccata da Ms. Marvel che le dice che hanno un piano… Mentre Hood ritorna a New York e scopre dell’ammutinamento della sua gang guidata da Jonas Harrow, Osborn convoca lo stesso Arrow per riuscire ad operare Luke nonostante la sua pelle impenetrabile.

Il piano dei Nuovi Vendicatori lo scopriamo nel secondo episodio: mentre Capitan America, l’Uomo Ragno, Ronin, la Donna Ragno e Ms. Marvel compiono un’azione diversiva, attaccando Camp Hammer in New Mexico, sede dell’Iniziativa, un gruppo di eroi amici di Cage (la Cosa, Iron Fist, Hellcat, Dottor Voodoo, Misty Knight, Valchira e Dottor Strange) attacca l’elivelivolo di HAMMER liberando Luke, mentre Iron Patriot e gli altri Oscuri Vendicatori accorrono in aiuto di Taskmaster in New Mexico, arrivando però troppo tardi per intercettare Ronin e compagnia. Luke può quindi riunirsi ai suoi compagni, seppur convalescente per l’operazione subita, ma scopriamo che Osborn gli ha impiantato una cimice vicino al cuore…

Dopo innumerevoli numeri in cui l’azione latitava, con gli ultimi episodi Brian Micheal Bendis ha deciso di recuperare il tempo perduto, imbastendo una serie di storie in cui l’azione la fa da padrona. I disegni di Stuart Immonen comunque sono ottimi sia per quanto riguarda le scene d’azione (la sequenza dell’attacco di Ares nelle fogne è superba) che nell’accompagnare i dialoghi con dei volti estremamente espressivi. Leggi il seguito di questo post »





Gli Oscuri X-Men (Comics U.S.A. 42)

13 07 2010

Volume che raccoglie l’intera miniserie in 5 numeri Dark X-Men, che vede in azione il gruppo mutante assemblato da Norman Osborn durante la saga Utopia. Dopo gli eventi di CUSA 41 del gruppo originario, in seguito ai “tradimenti” di Emma Frost, Namor e Cloak & Dagger ed al ritorno di Daken con i Vendicatori Oscuri, sono rimasti solo Mystica (che ora assume le sembianze della defunta Jean Grey), Mimo, Omega e Bestia Nera. Questo improbabile gruppo viene mandato da Osborn ad indagare su uno strano fenomeno verificatosi in California: un gruppo di persone cadute in trance che ripetevano “Io sono un X-Man”. Una volta che arrivano sul posto e interrogano con uno dei reduci dell’esperienza, un’enorme energia mutante sovraccarica Omega facendolo impazzire, mentre nella sala una presenza che chiama Mystica “mamma” si materializza, attaccando Bestia Nera. Una volta che l’energia si compone, appare Nate Grey, X-Man.

Il figlio nato in provetta di Scott Summers e Jean Grey nella realtà parallela de l’Era di Apocalisse si era dissolto per il mondo su MMIX 40, per salvare l’umanità da un mietitore alieno. Ora si è ricomposto e riconosce sua “madre” nel travestimento di Mystica, mentre Mimo assorbe il suo potere precognitivo e vedendo il suo futuro (in cui uccide la famiglia che si sarà creato non riuscendo a controllare i suoi poteri) impazzisce. Nate però non riesce a mantenere a lungo la sua forma e si dissolve di nuovo, privando così Omega e Mimo dell’energia che li aveva fatti impazzire. A rapporto da Osborn, gli X-Men ricevono l’ordine di catturare Nate Grey allo scopo di usarlo per alimentare la Macchina Omega, il macchinario creato da Bestia Nera per assorbire le energie mutanti.  Per questo scopo tentano, attraverso la divisione telepati dell’HAMMER, guidata dal dottor. Jarl, di “evocare” Nate, ma questi prosciuga di ogni energia psichica i sensitivi, e legge nella mente di Jarl tutto quello che è successo al mondo dalla sua “morte” (la decimazione dei mutanti, la guerra civile, l’invasione Skrull, l’ascesa al potere di Osborn…). Furioso, riprende una volta consistenza e decide di attaccare direttamente Norman Osborn.

Nate da così l’assalto alla Torre dei Vendicatori, sconfiggendo facilmente Venom e affrontando quindi il resto dei Vendicatori, mentre gli X-Men corrono in soccorso ma si fermano prima di intervenire. Nate riesce ad instillare il dubbio nella mente di Sentry, dicendogli che si ricorda di lui e di quando lavoravano in coppia, causando così la fuga del Guardiano Dorato dalla battaglia. Quando i Vendicatori attaccano, anche gli X-Men si uniscono alla battaglia, ma Mimo salva Nate da Bullseye perché vuole vedere nuovamente il suo futuro. Ares però riesce a stendere Nate, il quale esplode in un’onda di energia, lasciando dietro di sé uno scheletro carbonizzato. Mentre portano via i resti, Mystica è però dubbiosa, e poco dopo fa irruzione nell’ufficio di Osborn intimandogli di rimuovere la bomba all’interno della sua testa che la mantiene al suo servizio, dal momento che ha capito che è in realtà Nate Grey che ha posseduto il corpo del direttore di HAMMER. Leggi il seguito di questo post »





Devil & Hulk 163

9 07 2010

Continua la saga Codice Rosso per l’Hulk Rosso, mentre Banner e Skaar incontrano Wolverine e Daken, Devil prende confidenza con il ruolo di leader della Mano e She-Hulk si scontra con le forze del generale Ryker.

Nella storia tratta da Hulk 16 ritroviamo Hulk Rosso, accecato da Wolverine, al cospetto della nuova arrivata She-Hulk Rossa. la quale, mentre combatte con Wolverine, afferma di aver ucciso Domino, Elektra ed anche Jennifer Walters, la “vecchia” She-Hulk. Lo scontro tra i gruppi continua e mentre il Punitore, Thundra e Deadpool combattono Wolverine e Arcangelo, Rulk e She-Rulk si allontanano dallo scontro, scappando nelle fogne, mentre un misterioso individuo blocca Wolverine impedendogli di inseguirli ma intimandogli di ritrovare Domino ed Elektra. Mentre sono nelle fogne, i due forzuti si parlano e, nonostante ognuno mantenga il segreto sulla sua vera identità, sembra che She-Rulk conosca Rulk e che avesse un qualche rapporto con lui. Improvvisamente però Rulk viene attaccato da She-Rulk e sorpreso dall’arrivo di Thundra, del Punitore e di Deadpool, tutti agli ordini del misterioso personaggio che parrebbe aver organizzato tutta la vicenda: Doc Samson.

Storia abbastanza noiosa di Loeb, con le solite interminabili scazzottate e con il tentativo, riuscito male, di dare un po’ di spessore a Rulk, molto difficile senza rivelare la sua identità. Nelle fogne Rulk racconta una favola orientale a She-Rulk, cosa che trovo francamente senza senso il quel frangente. Ma almeno così offre l’opportunità di rappresentarla a Ian Churchill, che continua a fare un buon lavoro.

Wolverine è ospite anche dell’episodio tratto da Incredible Hulk 603, dove viene picchiato da Skaar nella fumetteria di Arlington dove il giovane figlio di Hulk e Banner si trovano. Dopo averlo steso, Skaar scappa via e arriva in un bar dove si trova Daken, il figlio di Wolverine, che, dopo una breve lotta gli offre di entrare nei Vendicatori di Osborn. I due dialogano osservati a distanza dai rispettivi padri, ma quando Skaar torna alla sua forma di bambino e chiede a Daken di ucciderlo, Banner lancia letteralmente Wolverine in mezzo alla mischia. Nella rissa che segue Daken sta per uccidere Skaar (Banner non sapeva che il metallo della spada di Muramasa legato ai suoi artigli blocca il fattore rigenerante di Skaar) quando Banner punta una pistola alimentata dall’Antico Potere alla testa di Wolverine, facendo desistere Daken dal suo proposito. Skaar e Banner quindi si allontanano, osservati dal Capo… Leggi il seguito di questo post »





Capitan America 1

8 07 2010

A due anni dal lancio di IRON MAN & I POTENTI VENDICATORI una nuova serie mensile Marvel approda nelle edicole italiane. Questa volta è Capitan America ad avere l’onore, dopo la sua prima serie personale con l’Editoriale Corno (128 numeri), la serie CAPITAN AMERICA & I VENDICATORI della Star Comic/Marvel Italia (82 numeri) e la serie CAPITAN AMERICA & THOR (dal 36 in poi solo CAPITAN AMERICA) della Marvel Italia/Paninicomics (86 numeri).

Questo primo numero si apre con due pagine tratte da Captain America 600 dipinte da Alex Ross che riassumono in breve l’origine di Cap. Non il miglior lavoro di Ross, tavole poco definite (forse volutamente per cercare un effetto “flashback”), e mi danno l’idea di essere state pensate per un altro formato, più grande.

A seguire entriamo nel vivo della storia, con Captain America: Reborn Prologue, storia originariamente uscita online sul sito della Marvel e solo successivamente stampata in una raccolta. Vediamo Sin, la figlia del Teschio Rosso, subire un interrogatorio da parte di un agente di HAMMER, che le offre l’ingresso nel programma Thunderbolts in cambio dell’identità del secondo attentatore di Capitan America (Sharon Carter, controllata dal Teschio). Sin ne approfitta per tentare di fuggire, ma viene bloccata da Bullseye che la mette facilmente ko. Norman Osborn viene informato dei fatti e della frase pronunciata da Sin: “Perché siete tanto sicuri che sia morto?”. Ma si stava riferendo al Teschio Rosso o a Capitan America?

Buona storia di prologo che riassume un po’ gli eventi visti su MARVEL OMNIBUS 10, cioè l’omicidio di Cap dopo la Guerra Civile. Sin è in prigione da T&NV 123, ma l’avevamo vista recentemente anche nella storia che a tutti gli effetti aveva fatto da prologo alla miniserie Captain America: Reborn, ovverosia Captain America 600 pubblicata su T&NV 132. La storia è del solito scrittore di Cap Ed Brubaker ed i disegni di Luke Ross, molto azzeccati.

Ed eccoci finalmente arrivati al piatto forte dell’albo: Captain America: Reborn 1/2, i primi due episodi della miniserie che promette di riportare Steve Rogers nell’universo Marvel. La storia vede Steve Rogers rivivere alcuni momenti fondamentali della sua vita: lo sbarco in Normandia, la morte della madre, la battaglia con Master Man, il superuomo nazista, l’incontro con Roosevelt fino al fatidico giorno in cui si offrì volontario per il Progetto Rinascita e divenne Capitan America, pur non riuscendo a salvare il dott. Erskine dalla spia nazista infiltratosi all’esperimento. Come mai la mente di Steve sta rivivendo questi momenti viene spiegato dalle sequenze ambientate nel presente. Mentre l’attuale Capitan America (Bucky, la sua vecchia spalla) e la Vedova Nera si introducono all’interno dell’elivelivolo HAMMER alla ricerca del corpo di Steve, Visione, Falcon e Sharon Carter raccontano la storia della morte di Cap a Wasp, mostrandogli la pistola che Sharon ha usato per sparare a Cap. La stessa Sharon riferisce di ciò che a visto mentre era prigioniera del Teschio Rosso e di Arnim Zola: attraverso di lei, la “costante”, stavano usando una variante della piattaforma temporale del Dottor Destino per “riportare indietro” Steve. Wasp esamina la pistola e riconosce la tecnologia di Destino, e decide di portarla a far analizzare da Mr. Fantastic. Sull’elivelivolo, intanto, Cap e la Vedova, nel tentativo di recuperare i resti della piattaforma temporale, vengono sorpresi da Ares e Venom. Leggi il seguito di questo post »





Spider-Man 536

2 07 2010

Numero che, come la copertina di J. Scott Campbell lascia perfettamente intendere, si concentra sui problemi sentimentiali di Peter, mentre in appendice inizia la miniserie dedicata all’Anti-Venom.

Le due storie iniziali, tratte da Amazing Spider-Man 606/607, si aprono con Peter alle prese con la sua coinquilina Michelle Gonzales, che dopo essere stata sedotta dal Camaleonte con le fattezze di Peter e dopo che quest’ultimo a provato a raccontargli come stanno le cose, non è esattamente ben disposta nei confronti del nostro protagonista e tenta di infilare le sue cose nel tritarifiuti. Il litigio viene in un primo momento interrotto dall’arrivo di Norah Winters, la reporter collega di Peter a Frontline che arriva per raccontargli delle sue vicende con Osborn viste sul 529. Ben presto però Norah inizia a litigare con Michelle e Peter si sforza di fare da paciere, mandando via in malo modo anche Mary Jane che si presenta alla sua porta con delle paste… Scombussolato da questi eventi, nei panni dell’Uomo Ragno la sera cattura un borseggiatore e lo fa volteggiare un po’ per la città, quando una serie di eventi sfortunati (un asta di bandiera che si svita, un gargoyle che si rompe, entrambi i lanciaragnatele che smettono di funzionare…) li fanno precipitare sulla terrazza di un attico, dove Peter trova la responsabile di questa sfortuna: la Gatta Nera. Dopo un chiarimento tra i due ex amanti (Felicia, come il resto del mondo, ha dimenticato l’identità di Spidey dopo il patto di Peter e Mary Jane con Mefisto), in cui Peter la ringrazia per averlo aiutato a scagionarsi in tribunale (UR 521), la Gatta Nera entra nell’attico, che si scopre essere di proprietà di Dexter Bennet, l’editore del DB, con l’intento di rubare qualcosa. Spidey la segue per farla desistere, ma i due si ritrovano di fronte ad un cadavere le cui viscere sono state tramutate in granito, che esplode di lì a poco. Si tratta di una trappola preparata da Diablo, l’alchimista immortale che poi fa saltare in aria la cucina prima di scappare. Peter e Felicia se la cavano, e dopo aver discusso un po’ si baciano appassionatamente, proprio mentre una telecamera li scova e manda la scena in diretta… Inutile dire che una delle spettatrici altri non è che Mary Jane.

Peter e Felicia passano la notte in una camera d’albergo (con Felicia che si impegna a non guardare la faccia di Peter), e il giorno dopo Spidey si dirige da Dexter Bennet in cerca di informazioni. Viene così a sapere che il cadavere apparteneva a Bernie Mayer, ex socio di Bennet nel campo delle costruzioni. Sia lui che la Gatta Nera risalgono quindi ad un magazzino dove sorprendono Diablo intento a rubare delle piante di alcuni edifici. Grazie al potere di portare sfortuna della Gatta riescono a sfuggirgli, e mettendo insieme i vari indizi che hanno raccolto capiscono il piano di Diablo: vent’anni prima aveva venduto dell’acciaio creato grazie alle sue doti alchemiche alla ditta di Mayer e Bennet, che l’utilizzarono per costruire un palazzo dove Diablo aprì varie piccole società tutte assicurate per cifre altissime contro cataclismi come il crollo del palazzo. Spidey riesce ad intervenire in tempo per far evacuare tutta la gente, e svela il piano di Diablo al pubblico, in maniera che non possa incassare l’assicurazione. Infuriato, l’alchimista viene contattato dalla figlia di Kraven… Leggi il seguito di questo post »





Fantastici Quattro 309

1 07 2010

Si conclude in questo numero Risolvere tutto, la saga che ha visto l’esordio del team creativo composto da Jonathan Hickma e Dale Eaglesham sulle pagine del quartetto. La storia tratta da Fantastic Four 572 si apre come si era concluso il numero scorso, ovvero con l’attacco dei Celestiali al Consiglio interdimensionale dei Reed Richards. La resistenza dei vari Mr. Fantastic è disperata, ma riesce ad arginare, nonostante moltissime perdite, l’avanzata degli dei spaziali, consentendo ad alcuni di loro (tra cui quello della nostra dimensione) di tornare alle loro dimensioni d’origine per trovare qualcosa con cui combatterli. Nel frattempo la Cosa e la Torcia Umana partono per la loro vacanza su Nu-World, con un paio di passeggeri clandestini, ovvero Franklin e Valeria che di nascosto si sono accodati agli zii. Reed torna nel Crocevia con dei fucili entropici in grado di ferire i Celestiali, e grazie a questo la battaglia si risolve favorevolmente per i Richards. Ma dopo la battaglia Reed capisce che il prezzo per far parte del Consiglio, per risolvere ogni problema, sarebbe rinunciare a tutto il resto, alla sua famiglia, e ripensando alle parole di suo padre, che lo spronava a diventare un amico, un marito ed un padre migliore di lui, decide di rinunciare e tornare da Sue.

Buon lavoro di Hickman nello sviluppare il personaggio di Reed in questi episodi, sedotto dalla possibilità di risolvere qualsiasi problema ma che alla fine ci rinuncia per stare con la famiglia. Una scelta egoista? Forse, la questione ha animato diversi dibattiti online, cosa che non succedeva da parecchio tempo per delle storie del quartetto. Molto buoni, come al solito i disegni di Eaglesham. Peccato che la velocità non sia uno dei suoi pregi e già nel prossimo numero ci sarà un altro disegnatore a sostituirlo brevemente.

A seguire troviamo un recupero, ovvero una storia tratta dallo special New Avengers: American Armed Forces Exclusive 1, un albo distribuito in omaggio ai militari americani nel 2005 (da allora la Marvel ne ha realizzati altri sette) e che la Panini ha potuto pubblicare solo ora. La storia è ambientata tempo fa, prima sicuramente di Civil War, probabilmente poco dopo che Sentry è entrato in pianta stabile nei Nuovi Vendicatori. Iron Man e Mr. Fantastic sono chiamati dall’esercito ad indagare sul ritrovamento di una navicella sepolta nelle paludi della Luisiana da più di due millenni. Trasportata sul tetto della Torre dei Vendicatori, viene aperta grazie allo sforzo congiunto di Nuovi Vendicatori e Fantastici Quattro. Dal suo interno, esce una pattuglia di soldati Kree, mandati millenni fa sulla terra per prevenire la conquista del pianeta da parte degli Skrull. Dopo lo scontro di rito con i vari eroi, i Kree vengono riportati alla ragione da Iron Man che gli spiega che la guerra Kree-Skrull si è già conclusa con la vittoria dei primi, per cui i soldati tornano a casa. Leggi il seguito di questo post »