War Of Kings 3 (Marvel Crossover 63)

29 06 2010

Terzo appuntamento (quinto se consideriamo i due prologhi dedicati a Nova e ai Guardiani della Galassia) con il nuovo evento che coinvolge i titoli cosmici Marvel. Questo volumetto contiene due capitoli della miniserie principale, due episodi dei Guardiani della Galassia ed uno di Nova, oltre ad una storia d’appendice tratta da War Of Kings: Warriors 1.

Nel primo episodio, tratto da War Of Kings 3, vediamo l’assalto dei Predoni Stellari (Havok, Polaris, Fenice e Korvus), coadiuvati da parte dei Guardiani della Galassia (Rocket Raccoon, Groot, Maggiore Vittoria e Drax) alla nave imperiale Shi’Ar di Vulcan, dove è tenuta prigioniera Lilandra, mentre su Hala Crystal accudisce il suo neo-marito Ronan e si informa riguardo al piano di evoluzione dei Kree portato avanti da Maximus, che non sembra funzionare. Nello spazio, gli eroi riescono quasi a liberare Lilandra quando Gladiatore si accorge dell’inganno con cui Rocket Raccoon e Fenice lo avevano spinto a dubitare dei suoi poteri (e quindi a perderli). Riacquisito il controllo, raggiunge in fretta Lilandra ma invece che giustiziarla decide di unirsi a lei per rovesciare Vulcan…

A seguire troviamo la storia tratta da Guardians Of The Galaxy 14, dove continua lo scontro tra Vulcan e Warlock (con le sembianze di Magus) iniziato nel numero scorso, interrotto dall’intervento di alcuni membri della Guardia Imperiale Shi’Ar, tra cui il telepate Mentore e la maga Magique. Warlock riesce a sconfiggerli ma è costretto a battere in ritirata, mentre Magique riesce ad applicargli un marchio magico in grado di rintracciarlo. Nel frattempo, l’altra metà dei Guardiani della Galassia (Starlord, Jack Flag, Martyr, Gamora e Bug) è a colloquio con la Famiglia Reale degli Inumani su Hala, nel tentativo di farli desistere dalla guerra con gli Shi’Ar, ma l’atteggiamento ben poco diplomatico di Martyr fa precipitare la situazione, costringendo Starlord a ritirare la delegazione e a tornare su Ovunque, non prima però che Martyr prenda Crystal in ostaggio. Una volta su Ovunque, si incontrano con Warlock ma vengono presto attaccati da Mentore, Magique, Voyager ed altri Shi’Ar. mentre contemporaneamente arrivano anche gli Inumani teletrasportati da Lockjaw…

Dopo questo episodio dei Guardiani, torniamo sulla mini principale con War Of Kings 4, in cui assistiamo all’attacco della flotta Shi’Ar dei nuovi robot Sentry Kree potenziati dalla tecnologia inumana. La stessa nave di Vulcan è sotto attacco, e l’imperatore Shi’Ar viene salvato solo dall’intervento di un individuo, Talon, che indossa un’armatura molto simile a quella di Darkhawk e afferma di appartenere alla Confraternita dei Raptor, un antico ordine con lo scopo di proteggere l’impero Shi’Ar. Nel frattempo Lilandra riesce ad arrivare, accompagnata da Gladiatore e dai Predoni Stellari, a Chandilar e a presentarsi al senato Shi’Ar per riprendersi il ruolo di Majestrix. Mentre si dirige al tempio per rinnovare i voti come sovrana, viene attaccata dal Commando della Morte. Nella confusione che segue la battaglia, tra la folla compare Talon che spara un colpo che sembra uccidere Lilandra…

La storia si svolge praticamente in parallelo a Guardians Of The Galaxy 15, dove lo scontro tra Guardiani, Inumani e Shi’Ar infuria all’interno di Ovunque. Gli Inumani, una volta recuperata Crystal (non prima che comunque venisse messa a conoscenza del rischio che corre la struttura dell’universo a causa della guerra), si ritirano, mentre gli Shi’Ar comandati da Mentore intendono conquistare Ovunque ed annetterla all’impero. I Guardiani si sparpagliano per combatterli, e mentre Warlock sorprende una squadra di Shi’Ar e li massacra assumendo le sembianze di Magus, Dragoluna viene controllata mentalmente affinché liberi Starhawk, la quale si manifesta in un lampo di luce a Starlord, Mantis, Cosmo e Jack Flag. Il ritorno del gruppo di Rocket Raccoon capovolge le sorti in favore dei Guardiani, costringendo gli Shi’Ar alla ritirata, non prima che Mentore comunichi a Rocket Raccoon della morte di Lilandra. Mentre controllano i danni, i Guardiani si accorgono della scomparsa di Starhawk e dei quattro compagni, ma in quel momento la testa di Celestiale dove è costruita Ovunque si anima e invoca l’aiuto di Adam Warlock…

L’ultima storia collegata alla trama di War Of King è Nova 26, che riprende a raccontare le vicende dei vari cadetti dei Nova Corps mandati allo sbaraglio contro le armate Shi’Ar. Un gruppo di cadetti viene salvato da Richard Rider, che ha ripreso il suo ruolo di Nova Primo e sta cercando di recuperare i vari cadetti per poi rimandarli a casa. Ma quando viene a sapere che anche suo fratello Robbie è scomparso, va alla sua ricerca sul mondo Kree dove si era diretto, scontrandosi con Triton degli Inumani. Ma grazie all’intercessione dell’ufficiale Kree Ra-Venn, sua vecchia alleata, riesce a far cessare le ostilità e a trovare il centurione Qubit che aveva accompagnato Robbie sul pianeta. Quibit gli dice che, dopo il massacro di cadetti compiuto da Xenith, la cugina di Gladiatore, Robbie l’ha seguita per assicurarla alla giustizia. Ed è proprio alla corte di Lord Famelico, nei territori di confine Kree, che troviamo la Strontiana, inviata da Vulcan ad eliminare il sovrano di quei territori che resistono alla sua invasione. Robbie interviene giusto in tempo per salvare la vita del sovrano…

Tutte queste storie sono scritte dalla collaudata coppia Dan Abnett & Andy Lanning, che imbastiscono uno scenario bellico molto curato in cui i vari personaggi si muovono con coerenza (anche se leggendo le storie una alla volta non sembra, come per Crystal che sembra sdoppiarsi, ma in realtà le sequenze delle varie storie si incastrano le une con le altre) e vengono sviluppati molto bene. Le storie dei Guardiani poi hanno in più un certo humor che le rende imperdibili. Dal punto di vista dei disegni, la mini principale è disegnata da un Paul Pellettier che ha imparato alla perfezione la lezione di un grande come Alan Davis, mentre quelle dei Guardiani sono del bravo Brad Walker. L’episodio di Nova è firmato dal classico Andrea Di Vito.

L’ultima storia dell’albo è una breve storia tratta da War Of Kings: Warriors 1 incentrata su Blastaar, sovrano della Zona Negativa un tempo alleato dei Kree ma, come rivela Talon nella terza storia del volume, ora alleatosi con gli Shi’Ar. La storia ci narra come il barbaro Blastaar abbia conquistato il suo pianeta natale Baluur nella Zona Negativa, sconfiggendo in combattimento il suo stesso padre.  La storia è di Christos Gage e i disegni di Carlos Magno. Non è male, da un po’ di spessore ad un personaggio che per quanto sia sulle scena da decenni non ha mai ricevuto un grande trattamento.


Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: